Questo sito utilizza i cookies per migliorare l'esperienza di navigazione. Continuando la navigazione accetti l'utilizzo dei cookies. Maggiori info: Cookie policy   -   Privacy Policy   -   Chiudi

Digitale e Pubblica Amministrazione, cosa cambierà nel futuro

La tecnologia al servizio dei cittadini e delle istituzioni è già realtà, deve solo attecchire

L’AGID, l’Agenzia per l’Italia Digitale ha reso noto il piano triennale 2019-2021 per l’informatica nella pubblica amministrazione, un documento strategico che ha l’obiettivo di accelerare il processo di digitalizzazione della pubblica amministrazione e di sviluppo economico nel settore del digitale.

Gli attori a cui sono rivolte le linee programmatiche sono enti pubblici, cittadini ed imprese, che si gioveranno della trasformazione digitale in termini di semplicità, snellimento di procedure, sicurezza e interscambio di dati in tempo reale.

Ecco alcuni dei punti chiave del documento che daranno una forte spinta alla digitalizzazione italiana

Digital by default: intende la priorità che devono dare le amministrazioni all’erogazione di servizi in forma digitale, rendendoli di fatto la modalità predefinita di accesso al servizio.

Once only: cittadini e imprese forniranno i propri dati solo una volta, ed essi verranno recuperati di volta in volta dal database della PA.

Digital identity only: è la spinta dell’amministrazione alla diffusione dell’utilizzo delle identità digitali per l’accesso ai servizi (es. SPID).

Cloud first: in fase di progettazione le pubbliche amministrazioni dovranno porre come basilare l’adozione della tecnologia cloud.

Inclusività e accessibilità dei servizi: i servizi digitali dovranno essere fruibili da tutti, adottando modalità agevolate per anziani e persone con disabilità.

Interoperabile per definizione: le piattaforme digitali pubbliche saranno integrate tra loro, consentendo il rapido scambio di dati tra dipartimenti diversi della pubblica amministrazione.

Questi sono alcuni dei punti in agenda, a cui si aggiunge il fondamentale criterio di trasparenza e apertura dei dati, e di sicurezza delle informazioni gestite dal sistema.
Sarà centrale l’uso di architetture a più livelli (multi-layer architecture) e regole cardine che hanno portato al successo la API economy.
Si andrà poi incontro ad una centralizzazione delle strutture, che consentirà un notevole risparmio per i conti pubblici, in ottica di economia scalare.
Il documento fornisce anche gli standard da applicare nella progettazione di strumenti digitali per la PA, secondo i criteri già menzionati.

Una vera e propria rivoluzione quindi è quella che si intravede per il prossimo triennio, ed investirà tutti gli attori delle strategie di governance.
GestUp ha già collaborato con la PA per la progettazione di soluzioni tecnologiche per la gestione dei servizi, dei dati e per la promozione territoriale. Per maggiori informazioni chiamaci allo 06 95570075 oppure scrivi a info@gestup.it

Contatti

GestUp
Via Prenestina Nuova, 43 00030 Genazzano (Roma)
Telefono: (+39) 06 95570075 - (+39) 339 2060402
Email: info@gestup.it

Scrivici

Accetta il Contratto privacy

Entro 24h verrai contattato da un nostro tecnico, commerciale